Cerca

Condividi

Condividi su Facebook

Live Report

Immagine
IX Congresso Post-industriale (Bologna 16 - 01 - 2015)
Mercoledì 21 Gennaio 2015
  La creatura di Rodolfo Protti, oramai giunto al trentennale di attività come produttore grazie alla sua longeva e vitale Old Europa Cafe, dopo qualche anno di stop forse nemmeno voluto, forse nel pieno di una sana disillusione per una decadenza (surreale tornare a proporlo proprio in una serata che Decadence fa di nome) di una popolazione spesso   ignorante in ambito musicale, assenteista sotto i palchi, forse solamente alla ricerca di una location idonea, è comunque tornata sana e prorompente. Fu il Veneto ad ospitarne la precedente manifestazione, quattro anni fa: Bologna, in questa nemmeno troppo fredda notte nella zona industriale orientale del capoluogo, accoglie Rodolfo,... Leggi tutto...

Ultime Recensioni

Immagine
STEVE ROACH – BYRON METCALF – ROB THOMAS - “Monuments Of Ecstasy”
Giovedì 15 Gennaio 2015
  STEVE ROACH – BYRON METCALF – ROB THOMAS “Monuments Of Ecstasy” Voto 8/10 (Anno 2014 – Projekt) U.S.A.     In sei tracce un trio di strumentisti compie un cammino antropologico esercitando nel suono l’alchimia che il musicista è in grado di ottenere nel momento in cui porta al di fuori del se il nucleo profondo della sua natura.   Quasi subcosciente, certamente retroattiva, antropologicamente retroattiva, a volte leggermente ‘jungle’. “Monuments Of Ecstasy” è una originale sinfonia che si compone nelle alte sfere sci-fi del suono, oltre l’atmosfera, nel buio del tutto e nulla cosmico, si sofferma su strati aerati tra cirri e nembi, si cosparge sul... Leggi tutto...
Immagine
AA.VV. - “Snowflakes III”
Giovedì 15 Gennaio 2015
  AA.VV. “Snowflakes III” Voto 8/10 (Anno 2014 - At Sea Compilations) Germania Fondata nel 2012, la At Sea realizza sin da allora compilation incentrate su differenti stili musicali, dal neoclassico al folk passando anche per la new wave e il gothic rock.   “Snowflakes III” è la terza e più importante raccolta di proposte di matrice neoclassica, melanconica e dark folk che quest’associazione (se mi si passa il termine) propone dalla sua nascita, ben 170 minuti che racchiudono contributi da parte di realtà emergenti affiancate a nomi di rilievo nel panorama dei generi. Due Cd scaricabili gratuitamente nel loro formato digitale (la At Sea chiede soltanto donazioni libere... Leggi tutto...
Immagine
MINDSTRIP - “Polymere”
Giovedì 15 Gennaio 2015
  MINDSTRIP “Polymere” Voto 7,5/10 (Anno 2014 – Echozone) Germania Non ci sbagliammo quando con l’ep di debutto “Beautiful Liar” era chiaro cogliere la tendenza della band berlinese fluttuando nel pentagramma degli strati più morbidi del pop - raffinato d’ispirazione anglofona: Pet Shop Boys, Chris Isaak, Tears For Fears ma oggi anche Talk Talk (la voce di Chris Kobilke in questo fa molto nel ricordare i dolori profondi e melodici di Mark Hollis) sono il segno che ai Mindstrip piace ripercorrere in chiave   moderne un pop d’antan nella sua espressione ‘gioiello’, quindi ricercato, sofisticato, elegante, disinibito nel non essere troppo cover di altro. Una... Leggi tutto...
Immagine
PSYCHOSOMATIK - “State Of Oppression”
Giovedì 15 Gennaio 2015
  PSYCHOSOMATIK “State Of Oppression” Voto 7/10 (Anno 2014 – PSK Records) Francia   Non è una band d’innovatori ma l’harsh-industriale dei Psychosomatik gira e agisce correttamente: ritmica solida, voce growl ma non strozzata (bella e corrosiva, scura con ottimi accenti gotici), linee dancy.   Figli di :Wumpscut:, C-Drone Defect, Implant e In Strict Confidence, la mistura di electro-harsh e darkwave ruota attorno ad una ritmata scansione oppressiva e sincopata, synth volubili e mai replicanti nel succedersi della tracklist, la voce ambrata. Tutto ciò fa del duo di Arras, lassù sul Pas-De-Calais, un buon combo per trascinarvi ‘on the dancefloor’ senza troppi... Leggi tutto...
Immagine
TEMPESTA - “Roller Coaster”
Giovedì 15 Gennaio 2015
  TEMPESTA “Roller Coaster” Voto 6/10 (Anno 2014 – FastBall Music) Svizzera Nonostante vengano dalla Svizzera, i Tempesta hanno acquisito totalmente la cultura Rock americana, che li porta ad esplorare territori fra un AOR abbastanza di maniera e ballad che ricordano in pieno il Southern Rock più classicheggiante (la title-track “Roller Coaster” ne è un esempio lampante).   L'album, il terzo per questa band (un anno fa vi raccontammo il loro secondo album “Unbounded”) che veleggia verso i vent'anni di onorata carriera, si snoda così fra song pulite e intermezzi strappalacrime rimanendo su binari abbastanza semplici e ben collaudati. L'improvvisa sterzata data... Leggi tutto...
Immagine
MEADOW DÉCOR - “47 ep”
Giovedì 15 Gennaio 2015
  MEADOW DÉCOR “47 ep” Voto 7/10 (Anno 2014 – Autoprodotto) Regno Unito Quattro tracce che lasciano ‘appetito’: l’ottima dance dei Méadow Decor, progetto in costante evoluzione dell’inglese Alex Tut,t assieme all’amico Ben Airey, track by track ottiene il doppio scopo di essere un sound piacevole e danceable, non da poco.   Una coppia di producer con una lunga elaborazione del dance-sound europeo, perfetto uso della doppia cassa attutita, bass-line ritmica richiamando lo stile ‘house’ dei migliori anni ’90, “47” è glamour nel suo porgersi, catchy subito, nessuna traccia prevale. Nel loro diversificarsi le quattro canzoni del dischetto mantengono... Leggi tutto...
Immagine
MAXXWELL - “Tabula Rasa”
Giovedì 15 Gennaio 2015
  MAXXWELL “Tabula Rasa” Voto: 7,5/10 (Anno 2014 – Fastball Music) Svizzera   Eh, eh... E qui al vecchio scribacchino, cresciuto a pane e Lynch Mob, si stampa sulla faccia un sorrisetto ebete e soddisfatto... I Maxxwell sono un gruppo di sanguigni rocker elvetici (!) giunti al quarto lavoro che dimostra un attaccamento quasi morboso   per le sonorità più evolute scaturite dal filone Glam Metal: Lynch Mob, già detto, ma anche Skid Row, Quireboys, Black'n'Blue, Rock City Angels, Machine Gun Kelly e compagnia sono infatti la base del suono dei nostri, che confezionano uno Street Rock aggressivo e distruttivo, urlato ma sempre ben condotto grazie alle innegabili doti... Leggi tutto...
Immagine
DARREN HARPER - “Reduction & Variant”
Giovedì 15 Gennaio 2015
  DARREN HARPER “Reduction & Variant” Voto 7/10 (Anno 2015 – Disq An) Olanda   “Reduction & Variant” appartiene alla categoria del suono senza nessuna ‘gabbia’, libero di essere ciò che è e che a voi giunge con naturalezza; un esperimento elegante di geometrie gestite nel pieno della modulazione preconcetta.   Darren Harper segue il suo filo, esplora la sua vena interiore nel captare la materia sequenziale e ne da seguiti abbastanza ripetuti, da poco “Movements For An Absent Mind” ‘esce’ dall’opificio Soft Recording e l’olandese diviene in questo inizio d’anno punta della neonata Disq An  (Alexandre Navarro vuole per se una nuova esperienza... Leggi tutto...